I vostri doni

Ma avete già scelto la lista nozze?”.

 

Questa domanda è risuonata tutte le volte che annunciavamo la nostra unione.

La risposta inesorabile è  stata “Ma no, grazie! Dopo 10 anni di convivenza abbiamo già tutto ciò che ci serve.”

 

Ma alla fine abbiamo chiesto a chi lo voleva di aiutarci a realizzare uno di questi due nostri sogni.

 

Il sogno di un viaggio in Portogallo

Il primo sogno è quello di seguire l’itinerario creato per noi da Elisa, la nostra meravigliosa cugina di Milano, che ci porterà tra le strade di Oporto e Lisbona, immergendoci nella terra del Fado, in luoghi, sapori e atmosfere inedite tutte da scoprire e gustare.

 

Clicca qui per scoprire l’itinerario completo del nostro viaggio.

 

Da tempo stiamo risparmiando per permetterci queste due settimane in Portogallo, che vorremmo vivere appena l’emergenza Covid cesserà in Europa.

 

Il sogno di “allargare la Tenda”

Mentre si celebra il nostro cammino di coppia non possiamo non pensare a qualcosa che abbiamo contribuito a far nascere, ovvero all’Associazione di volontariato La Tenda di Gionata, sorta su sollecitazione di don David Esposito, un prete prematuramente scomparso, che “sognava” che le nostre comunità cristiane sapessero “allargare la tenda” (Isaia 54) per fare spazio a tutti, diventando così “sempre più santuari di accoglienza e sostegno verso le persone LGBT e verso ogni persona colpita da discriminazione”.

 

Se volete sostenere uno dei tanti progetti associativi in corso vi invitiamo a fare una donazione liberale a la Tenda di Gionata tramite Bonifico o PayPal, che è detraibile anche dalla dichiarazione dei redditi.

A coloro che vorranno fare una donazione l’associazione farà un piccolo dono di ringraziamento, basterà indicare nella casuale della donazione il proprio nome, cognome e lindirizzo a cui può essere inviato.

 

Ogni donazione è come un granello di Senape,

il più piccolo di tutti i semi che sono sul terreno; ma, quando viene seminato, cresce e diventa più grande di tutte le piante dell’orto e fa rami così grandi che gli uccelli del cielo possono fare il nido alla sua ombra” (Marco 4, 32-33)

ma perché “dia frutto” c’è bisogno dell’aiuto di tutti.